20-03-2017 ore 14:11 | Cronaca - Caravaggio (BG)
di Riccardo Cremonesi

Caravaggio, ritrovati mezzi agricoli rubati nel cremasco. Arrestato un ventiseienne

Gli agenti della polizia stradale di Crema, insieme agli agenti della locale di Caravaggio, hanno arrestato con l'accusa di riciclaggio e furto aggravato un rumeno di 26 anni - A.Z. le sue iniziali - con domicilio a Romano di Lombardia. È stato sorpreso all'interno di un capannone di una zona industriale di Caravaggio mentre era intento a modificare i numeri di telaio di alcuni mezzi agricoli rubati nei mesi scorsi.

Le indagini
Come hanno spiegato il comandante provinciale Federica Deledda ed il comandante del distaccamento cittadino della polizia stradale Mario Crotti, “l'indagine è partita il 7 marzo, dopo il furto di tre mezzi agricoli dall'azienda agricola Carioni di Trescore Cremasco. Il segnale dell'antifurto satellitare si è spento nei dintorni di Vailate, al confine con Calvenzano. Abbiamo concentrato le ricerche in quella zona”. Sabato mattina, verso le 11, all'interno di un capannone in disuso è stato trovato uno dei carri agricoli rubati nell'azienda cremasca.

L'arresto
Gli agenti hanno perlustrato la zona circostante e in un capannone vicino hanno sorpreso un giovane rumeno che, con frese e punzonatori, stava modificando i numeri di telaio di due mezzi agricoli rubati a Trescore e di un terzo mezzo di lavoro rubato a fine febbraio a Cologno al Serio. È stato arrestato con l'accusa di riciclaggio e furto aggravato per aver rubato energia elettrica da un'attività lavorativa vicina al capannone in cui è stato sorpreso, e trasferito in carcere a Bergamo. “Le indagini proseguono – continua la Deledda – perché riteniamo coinvolta un'organizzazione molto più ampia. Il valore dei mezzi ritrovati si aggira  sui 500 mila euro il valore di quelli ritrovati. Falsificati i numeri di telaio e le carte di immatricolazione, vengono poi rivenduti all'estero e in altre zone d'Italia”.