13-06-2017 ore 15:47 | Cronaca - Milano
di Rebecca Ronchi

Scienza, Studente ricercatore. Vince il cremasco Matteo d’Alessandro. Per lui uno stage nell'unità tecnologica di Genomica

La tredicesima edizione del concorso nazionale Lo studente ricercatore 2017 indetto dall'IFOM di Milano - rinomato a livello internazionale nella ricerca sul cancro – è stata vinta da Matteo d’Alessandro, studente cremasco di 17 anni dello scientifico Galilei di Crema. È stato selezionato tra centinaia di candidati provenienti da tutta Italia dopo aver brillantemente superato un difficilissimo test d’ammissione insieme ad altri 9 giovani promettenti studenti.


Unità tecnologica di Genomica

Lo studente ricercatore consente ogni anno a una ristrettissima selezione di studenti di vivere in prima persona la ricerca scientifica, lavorando intensamente per 15 giorni fianco a fianco con ricercatori provenienti da tutto il mondo. Matteo ha iniziato lunedì 12 giugno il suo stage di 15 giorni. Ogni mattina prenderà il bus da Offanengo e raggiungerà l’istituto milanese per immergersi in laboratorio. Lavorerà nell'unità tecnologica di Genomica sotto la guida dei ricercatori Claudia Valli e Mirko Riboni.

 

Ricerca sul cancro

Come spiegano dall’Ifom “si tratta di un'area molto promettente nell’ambito della ricerca sul cancro e per Matteo è una bella scommessa passare dai banchi di scuola alla prova del bancone di laboratorio. Una piccola grande sfida che costituisce forse il primo passo in un percorso di formazione e carriera scientifica che gli studenti potrebbero intraprendere dopo la maturità che li aspetta tra un anno: dalle statistiche il 90 % dei ragazzi che hanno partecipato in questi 13 anni allo Studente ricercatore hanno scelto di imboccare un percorso universitario in ambito scientifico, dalla medicina alle scienze biologiche fino alle biotecnologie”.

 

Le scuole nel territorio
“Giocano un ruolo fondamentale anche le scuole del territorio come il Galilei, impegnate nell’offrire ai ragazzi formazione di qualità e nell’aiutarli all’orientamento verso le scelte future. Avevano visto bene la professoressa Maria Angela Scalvini e al dirigente scolastico Angelo Bettinelli che hanno proposto la candidatura di Matteo. Nella vita lo studente cremasco coltiva altri interessi oltre alla scienza, come il musical. Dopo l'esperienza nei laboratori Ifom si accinge ad affrontare un pellegrinaggio ad Assisi”.