12-10-2017 ore 17:26 | Cronaca - Crema
di Gianni Carrolli

Crema. Campagna elettorale, rendiconto del sindaco Bonaldi: "spesi 47 mila 330 euro"

Le elezioni amministrative di giugno hanno confermato Stefania Bonaldi alla guida di Crema. Il comitato elettorale del sindaco ha reso noto le entrate e le spese sostenute per la campagna elettorale (dettaglio in allegato). Dei 47.330,97 euro di costi il oltre i due terzi sono stati investiti nella produzione dei materiali di propaganda e nei mezzi utilizzati; seguono le spese di acquisto e distribuzione. Per quanto riguarda le entrate (47.330,97 euro) le voci più sostanziose sono la cena di raccolta fondi a Villa san Michele (16.450 euro) e i contributi dei cittadini (16.046,87 euro), seguiti dalle erogazioni del Pd (9.199,10 euro).

 

Oculatezza e trasparenza

“La prima testimonianza di credibilità di amministratore è la gestione oculata delle proprie risorse quando fa campagna elettorale – commenta il sindaco Bonaldi – specchio di quello che sarà capace di fare nella eventuale esperienza amministrativa. Con questa rendicontazione il mio progetto si rivela in modo trasparente, una pratica che è la prima garanzia del contrasto a fenomeni corruttivi, come abbiamo di recente sottolineato indirizzando come giunta al Consiglio la possibilità di aderire ad Avviso pubblico, un’associazione nata allo scopo di aiutare gli enti locali a tenere alta la bandiera della legalità democratica”.