12-03-2017 ore 12:44 | Cronaca - Cremona
di Gianni Carrolli

Provincia. Settimana dell'amministrazione aperta, il seminario sugli open data

Anche gli enti locali provano a stare al passo coi tempi. Si è parlato di open data, di come utilizzarli e per quali scopi all’incontro organizzato dalla provincia presso la sala Consiglio del palazzo provinciale. A relazionare di fronte ad una platea di funzionari degli enti locali provinciali, Ferdinando Germano Ferrari della struttura Semplificazione e digitalizzazione di Regione Lombardia, che ha presentato il portale Open data Lombardia.

 

Migliorare i processi

Inserito nella programmazione della Settimana dell’amministrazione aperta (dal 4 all’11 marzo), il seminario informativo era dedicato allo sviluppo “della cultura e della pratica della trasparenza, della partecipazione e dell’accountability sia nelle amministrazioni pubbliche che nella società, per contribuire ad accelerare i processi di apertura delle amministrazioni, a migliorare i processi decisionali, a favorire l’esercizio dei diritti di cittadinanza digitale e ad accrescere la fiducia nelle istituzioni”.

 

Cambiamento epocale

“Le norme attuali regolano sempre più non solo la digitalizzazione dei processi, ma anche gli open data – ha precisato Ferrari – rendendo sempre più fruibili dati e conoscenza degli Enti locali a cittadini ed imprese, con formati fruibili, aperti e gratuiti”. I dati in possesso di Comuni, Province, Regioni, apparati dello Stato devono esser riutilizzabili, di facile consultazione ed aperti a tutti nel rispetto contestuale delle norme della privacy. “Si tratta, quindi, di un cambiamento epocale, per una reale società aperta e partecipata con la massima trasparenza dell’azione della PA – ha ricordato il dirigente provinciale Antonello Bonvini – che parte da un differente approccio dei decenni scorsi anche sul piano dell’innovazione digitale”.