11-04-2017 ore 20:49 | Cronaca - Camisano
di Angelo Tagliani

Camisano. Frontale col bus degli studenti, il grande spavento e il problema della velocità

Ieri pomeriggio, poco dopo le 17,30, sulla strada che collega Camisano a Bottaiano, all’altezza della santella della Marchesana, c’è stato un violento impatto tra un furgoncino e un bus del servizio di trasporto pubblico che stava riportando studenti da Crema: grande lo spavento, ma, fortunatamente, non gravi le conseguenze. Dopo la sosta in paese, il mezzo delle Autoguidovie doveva percorrere gli ultimi tratti dell’itinerario verso Casaletto di Sopra e la Melotta.

 

Incroci sempre a rischio

La ex Sp 16 ha una corsia decisamente stretta e gli incroci sono sempre a rischio, specialmente se la velocità non è moderata, tanto che, proprio nello stesso posto, qualche anno fa c’è stato un analogo incidente tra una corriera e una moto, con un morto. Il conducente del furgoncino, un pakistano - M.A. le sue iniziali, 30 anni, residente a Cappella Cantone - alla vista del bus, deve aver tentato una lunga frenata ma, nonostante l’autista sia salito sul ciglio della strada, non è riuscito ad evitare lo scontro.

 

Il frontale

Nessuna conseguenza per i pochi ragazzi ancora sui sedili e per l’autista, subito sceso per verificare le condizioni del conducente del furgoncino con il frontale deformato proprio dalla parte del volante. Nonostante l’invito a non muoversi, l’uomo, pur con difficoltà, ha voluto abbandonare il mezzo. Sanguinava da volto e braccia, ma ha dimostrato di non aver subito fratture.

 

Ho fatto un corso…”

In suo aiuto si è subito impegnato con attenzione e straordinaria dedizione uno degli studenti che erano sul pullman: lo ha pregato di stendersi, poi, rialzatosi quasi subito, lo ha seguito, lo ha aiutato a detergersi, gli ha procurata dell’acqua. A chi lo guardava ammirato da questo suo muoversi in modo tanto professionale, rispondeva sottovoce: “Ho fatto un corso…”. Non si è saputo il suo nome, ma solo che abita alla Melotta.

 

Il limite di velocità

Nel frattempo sono state fatte le telefonate al 118 e sul posto sono arrivate due ambulanze e un equipaggio della polizia stradale di Crema che, dopo lunghi controlli e lunghi verbali, spostati i due automezzi ammaccati, davanti all’asfalto segnato da una grande e pericolosa macchia di olio e benzina, non ha disdegnato di prendere in mano un badile per aiutare chi stava ripulendo il manto stradale. Tra chi ha sostato sul posto dell’incidente è nata una domanda: non sarebbe opportuno mettere qualche cartello con limite di velocità su questo tratto di strada?