07-02-2018 ore 17:30 | Cronaca - Crema
di Lidia Gallanti

Inner wheel e Rotary restaurano sala Pietro da Cemmo. Al lavoro tre giovani cremaschi

Restauro in vista per la sala pietro da Cemmo. Entro il mese di giugno l'ambiente d'ingresso che conduce al refettorio cremasco tornerà all'antico splendore: questo l'obiettivo del service interclub promosso dall'Inner Wheel Crema e sostenuto da Rotary Club Crema e Rotary san Marco.  "La sala versa in uno stato di degrado - spiega la presidente Inner Wheel Rosangela Ogliar Badessi - che non rende giustizia allo splendore della da Cemmo: per questo motivo abbiamo deciso di destinare il service dell'anno sociale corrente a favore del restauro". 
 

Pulizia e pittura

"L'intervento già approvato dalla Sovrintendenza - spiega l'architetto Paolo Mariani, incaricato dei lavori - prevede il restauro delle otto lunette e delle volte, dove sono visibili affreschi coperti dalla patina del tempo e dai residui. Una volta ripulite le superfici sarà effettuata l'integrazione pittorica". Il cantiere sarà avviato nel mese di marzo e si concluderà entro giugno, per un importo complessivo di circa 12 mila euro.

 

Giovani cremaschi al lavoro

I lavori saranno svolti da Letizia Andrini, Brigitta Meszaros e Daniele Fiorenza, tre giovani restauratori cremaschi che si occuperanno sia della ripulitura sia del completamento. A loro l'occasione di lavorare su un frammento di storia della propria città: come sottolineano il sindaco Stefania Bonaldi e l'assessore alla cultura Emanuela Nichetti "la sala da Cemmo è un luogo di grande pregio, un'eredità preziosa da valorizzare per Crema e il suo territorio".