02-07-2017 ore 18:30 | Cronaca - Spino d'Adda
di Silvia Tozzi

Spinese dell’anno. Premiata Cesarina Messaggio, “colonna portante” dell’Avis

Votata all’unanimità dal Consiglio comunale, Cesarina Messaggio è la Spinese dell’Anno 2016. Moglie di Mario Sartori, Cesarina ha 67 anni e tre figli. Ha iniziato la sua attività all’Avis nell’81 e tuttora ne è “colonna portante – ha spiegato l’assessore Clorinda Rossi – per 40 anni è stata segretaria, presidente e vicepresidente, contribuendo a far crescere la sezione. Ha prestato sempre il suo aiuto alle famiglie bisognose, con discrezione e modestia. Molte sono le persone spinesi e non che le vogliono bene e che la stimano per la sua instancabile opera di carità”.

 

Gli sfidanti

Concorrente della nuova spinese dell’anno era Franca Caglio Fugazza: ha svolto attività di insegnamento ed è stata fondatrice e presidente onorario del Movimento Lotta alla Fame nel Mondo. A favore della candidatura di Cesarina Messaggio ha speso parole d’encomio l’ex sindaco Paolo Riccaboni: “anche quando malattia e lutto l’hanno toccata personalmente, ha continuato a donare se stessa per il bene altrui, anche in parrocchia e in oratorio, con vitalità, discrezione e umiltà. Nel 1993 ha ricevuto il premio Una vita per gli altri e poi premio Bontà dalla Provincia di Cremona”. Nel suo discorso, il sindaco Luigi Poli ha ricordato che con il voto allo Spinese dell’anno “non stiamo giudicando le persone, ma decidendo a chi debba andare il riconoscimento”. Per il capogruppo Andrea Bassani “siamo fortunati ad avere così tante persone che si spendono per il paese e dedicano la loro vita agli altri. Purtroppo, il regolamento ci vincola a sceglierne solo una”. Soddisfatto anche Riccaboni: “è molto bello che i consiglieri eletti dagli spinesi siano chiamati a ricordare altri concittadini che si sono distinti e che fanno da esempio. Ceserina è una persona meravigliosa, una persona cui ogni volta che ti avvicini ricevi qualcosa, lo sai anche solo da come ti guarda, da come sorride e da come si muove”.